Industria della trasformazione digitale

10 tendenze della trasformazione digitale che devi conoscere

Condividi questo articolo

‘Digital transformation’ has gone from boardroom buzzword to critical strategic priority, but we’re still only witnessing the birth of the digital transformation industry. In this article, we look forward, identifying the ten key trends that are set to shape digital transformation’s future…

L'industria della trasformazione digitale: dal passato al presente

Before launching headfirst into the digital transformation industry’s future, let’s take a brief moment to explore its past. Because, although digital transformation is dominating the discussion right now (Google Trends shows a near-tenfold increase in search interest over the past five years), it’s hardly a new concept. The roots of digital transformation date back to 1948 and Claude E. Shannon’s seminal paper “Una teoria matematica di comunicazione", che ha aperto la strada alla digitalizzazione come la conosciamo.

I decenni successivi hanno visto un serie di scoperte digitali che sono servite come basi per l'odierna industria della trasformazione digitale: l'alba del microchip negli anni '50; terminata la trasmissione del primo messaggio ARPANET (una prima versione di Internet) negli anni '60; l'ascesa dell'home computer negli anni '70; l'invenzione del World Wide Web negli anni '80; e la sua successiva adozione pubblica negli anni '90.

Negli anni 2000, il cambio di paradigma verso la trasformazione digitale era ben avviato. Nel settore della vendita al dettaglio, la maggior parte delle principali campagne pubblicitarie incorporava elementi digitali, anche se la maggior parte degli acquisti veniva effettuata all'interno di negozi fisici, spesso in contanti.

From 2000 to 2015, the rise of smart devices and social media platforms led to a drastic change in how consumers and businesses communicate with one another, and customer expectations grew dramatically as a result of improved eCommerce customer service.

Dal 2015 ad oggi, l'ubiquità dei dispositivi mobili e la rapida diffusione delle tecnologie digitali nel mondo in via di sviluppo hanno contribuito all'impennata dei budget per la trasformazione digitale. Le aziende operano digital-first: sfruttano la tecnologia e il SaaS per creare operazioni snelle e agili che reagiscono istantaneamente ai cambiamenti nell'ambiente competitivo, liberando i dipendenti dalla fatica dell'amministrazione manuale per concentrarsi sul pensiero strategico.

In che modo la visualizzazione del prodotto sta cambiando il gioco?

Ottieni una prospettiva basata sui dati su come la vendita visiva sta diventando la norma futura per le aziende B2B.

Dieci tendenze chiave che guidano il futuro del settore della trasformazione digitale

1. La spesa per la trasformazione digitale continuerà a crescere

Gli investimenti globali nella trasformazione digitale sono destinati a crescere a un tasso composto di 17,1% all'anno, secondo il IDC, raggiungendo l'incredibile cifra di $2,3 trilioni (53% di tutta la spesa ICT) entro il 2023. I maggiori investitori nello spazio della trasformazione digitale saranno gli Stati Uniti, seguiti dall'Europa e poi dalla Cina (con la Cina che si prevede supererà l'Europa entro il 2023).

I servizi finanziari (che comprendono banche, assicurazioni, sicurezza e investimenti) vedranno il più alto esborso di trasformazione digitale di qualsiasi settore. Tuttavia, saranno fatti enormi investimenti nella produzione robotica: si prevede che raddoppierà entro i prossimi tre anni.

2. Vedremo uno spostamento dell'attenzione dal B2B al B2B2C

An increasing number of B2B companies will transition towards B2B2C eCommerce (Business-to-Business-to-Consumer), providing their customers with highly bespoke experiences and customizable product offerings. B2B customers are starting to demand the same level of customer service and frictionless shopping they encounter in their B2C lives. B2B2C sales will allow B2B businesses to provide Amazon-level service to their enterprise customers.

3. Ci saranno opportunità significative nell'Internet delle cose (IoT)

Il numero di dispositivi connessi all'IoT è destinato ad aumentare a 43 miliardi entro il 2023, secondo McKinsey (un aumento di quasi tre volte rispetto al 2018). Questa ondata di crescita, alimentata in gran parte dai minori costi della tecnologia dei sensori, rappresenta un'enorme opportunità per l'industria manifatturiera, aumentando i flussi di produzione attraverso una maggiore visibilità dell'officina e delle operazioni sul campo, nonché della catena di approvvigionamento manifatturiera, e in remoto e in outsourcing operazioni.

4. Non riguarderà solo la tecnologia; Riguarderà le persone

Anche se potresti essere perdonato per aver supposto che il fattore più importante per la trasformazione digitale sia la tecnologia stessa, ti sbaglieresti. Sono le persone. E qui sta un problema: non abbastanza persone hanno le competenze (e la mentalità) necessarie per sfruttare le capacità digitali.

Secondo Gartner, 64% dei manager pensa che i propri dipendenti non saranno in grado di tenere il passo con le future esigenze di competenze. La carenza di competenze si rivelerà uno dei principali ostacoli alla trasformazione digitale all'interno delle grandi organizzazioni.

5. L'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico rivoluzioneranno la produzione

Le statistiche dipingono un quadro chiaro di come l'intelligenza artificiale diventerà centrale per l'industria manifatturiera. Secondo un recente Rapporto Accenture, le tecnologie basate sull'intelligenza artificiale aumenteranno la produttività nella produzione di un incredibile 40% entro il 2035. Tuttavia, c'è una disparità significativa tra ambizione ed esecuzione: 92% di dirigenti di produzione senior credono che le tecnologie digitali "Smart Factory" consentiranno loro di aumentare i livelli di produttività e consentire al personale di lavorare in modo più intelligente, ma solo 12% di produttori stanno attualmente facendo un uso significativo dell'AI.

6. XaaS (Everything as a Service) continuerà a dominare le soluzioni interne

Le aziende cercheranno sempre più applicazioni e servizi di terze parti basati su cloud per svolgere il lavoro per loro, piuttosto che migliorare le competenze degli attuali dipendenti o assumere da un pool di manodopera in diminuzione (e sempre più costoso). L'approccio XaaS promette efficienza finanziaria, maggiore produttività, sicurezza informatica più solida, maggiore agilità e flessibilità senza l'onere di creare e gestire soluzioni on-premise.

7. L'accelerazione del 5G supererà la trasformazione digitale

Sembra che si parli di 5G (la rete wireless di quinta generazione) da anni, ma la forza di questo nuovo standard cellulare è ancora tra un paio d'anni. Una volta che il 5G arriverà, tuttavia, l'impatto sull'industria della trasformazione digitale sarà immenso, guidando rapidi progressi nelle città intelligenti, nei veicoli intelligenti, nella produzione intelligente e nelle tecnologie ad alta intensità di IoT affamate di 5G e delle sue capacità di trasferimento dati senza precedenti.

8. L'intelligenza artificiale (AI) colmerà il divario di competenze IT

40% dei datori di lavoro ritiene che l'intelligenza artificiale contribuirà a colmare l'imminente divario di competenze, secondo a recente sondaggio di 600 responsabili delle risorse umane. E, se consideri che a Starbucks costa $20.000 assumere un barista o semplicemente $25.000 per l'acquisto di un braccio robotico da barista (che opera 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza indennità di malattia o ferie annuali), è facile capire perché le aziende preferiranno l'intelligenza artificiale rispetto a quella umana.

Google cervello – un software per la creazione di team di ricerca sull'intelligenza artificiale in grado di progettare esso stesso software di apprendimento automatico – è un esempio più pertinente di intelligenza artificiale che si assume le responsabilità di attori umani esperti di tecnologia. Tali progressi consentiranno alle aziende di assumere un numero inferiore di sviluppatori, che possono concentrarsi su sfide strategiche e lungimiranti invece di impantanarsi in una codifica infinita e umile.

9. Le preoccupazioni sulla privacy metteranno a rischio la reputazione

La privacy rappresenta una minaccia esistenziale per ogni azienda che spera di capitalizzare sulla trasformazione digitale. I dispositivi IoT e il 5G serviranno solo ad alimentare le fiamme del rischio di violazione dei dati.

Le aziende grandi e piccole inevitabilmente cadranno in violazione delle aspettative sulla privacy pubblica e di conseguenza la reputazione sarà rovinata. La sicurezza informatica è destinata a diventare un vantaggio competitivo chiave per coloro che sono (a) disposti a investire nello spazio e (b) in grado di comunicare le proprie politiche di sicurezza e privacy ai clienti.

10. Ci saranno meno novità e più pragmatismo

Troppo spesso, le aziende che vogliono presentarsi come 'innovative' investiranno nelle nuove tecnologie più calde senza pensare alle implicazioni (iniziando il digitale Cambia piuttosto che digitale trasformazione.) Queste aziende raramente considerano l'impatto che tali cambiamenti avranno sui loro profitti o se il denaro potrebbe essere speso meglio altrove. Dopotutto, costruire un bot che automatizza un processo aziendale debole otterrà solo scarsi risultati più rapidamente.

Forrester etichettato come 2019, "l'anno in cui la trasformazione digitale è diventata pragmatica" e vediamo questa tendenza continuare nel 2020 e oltre. I CIO stanno tornando ai principi primi, costruendo strategie su basi durevoli che danno la priorità al raggiungimento degli obiettivi aziendali rispetto a campanelli e fischietti.

Pubblicato in: Trasformazione digitale
 
it_ITItalian